News & eventi

Medicina e terapia termale: due mondi che si integrano insieme

01/09/2019

Medicina e terapia termale: due mondi che si integrano insieme

Il convegno, ormai un punto fermo per Frasassi, ha messo in luce la modernità e l’efficacia delle terme.

Come ogni anno, a maggio, nell’auditorium delle Terme di Frasassi, si è tenuto il convegno sull’approfondimento scientifico e sulle prospettive future del termalismo. L’obiettivo è stato quello di aggiornare i medici di medicina generale ed i vari specialisti in otorinolaringoiatria, reumatologia, pediatria, dermatologia, pneumologia, sulle cure più recenti alla base dei trattamenti termali, preventive e terapeutiche, delle varie affezioni delle vie respiratorie ed altre patologie croniche.

Stimati professionisti, ognuno secondo le proprie competenze specialistiche, hanno messo in evidenza i risultati e le indicazioni alle varie malattie suscettibili di terapia termale, nel settore reumatologico, dell’albero respiratorio, della pelle, compresi i benefici psicologici che ne derivano.

La terapia termale ha subito, nel corso degli anni, una interessante evoluzione, basti pensare alla diffusione che hanno avuto le cure, i bagni in particolare, soprattutto per l’efficacia sulle malattie reumatiche.

Le semplici inalazioni dei vapori e dei gas emessi dalle acque, alla base delle cure delle malattie respiratorie, sono state sostituite da sofisticati apparecchi tecnologici che micronizzano le gocce d’acqua permettendo loro di giungere più facilmente negli organi interessati da patologie croniche. E’ un esempio che attesta la modernità della terapia termale, che ha dimostrato di possedere la stessa dignità clinico-scientifica degli altri settori della medicina. 

Ne consegue la necessità di informare e aggiornare i medici sui vantaggi e l’attualità del termalismo, a cui spesso non viene riservata una giusta informazione nei vari corsi di laurea o di specializzazione.

Cure adeguate per l’albero respiratorio
Nel settore inalatorio, è stata chiarita la fisiologia del naso e della sua importanza in tutte le patologie dell’albero respiratorio e degli organi collaterali, come i seni paranasali e la tuba di Eustachio. Uno studio sulla fluido dinamica aerea interna al naso, ha messo in evidenza l’importanza di un buon riempimento di aria del polmone e la sua variazione nelle varie tappe della vita, dall’infanzia fino alla senescenza, e l’utilità delle acque termali anche a scopo preventivo.

Benessere integrale e risparmio sanitario
Dal convegno è emerso come la terapia termale rivesta un’importanza fondamentale anche per il benessere psichico. Alle terme tutto si ridimensiona e si promuove l’eliminazione di elementi ansiogeni: il contatto con l’acqua aiuta a rallentare i ritmi, insegna a “sentire” il proprio respiro, a non pretendere, come impone l’era consumistica, di ottenere tutto e subito.

Le cure termali, infatti, hanno bisogno di tempo per portare risultati duraturi, un’attesa ripagata anche da un migliore stato di salute psico-somatico.

In questa ottica, gli istituti termali assumono un aspetto diverso dal passato, non più legati strettamente alle cure di diverse patologie ma al benessere generale della persona. L’OMS (Organizzazione mondiale della sanità), ha, infatti, ampliato la definizione del concetto di salute ed ha suggerito ai vari Stati di prendere in considerazione il concetto di diritto alla salute e bisogno di salute dei cittadini verso i quali è necessaria una politica che impieghi maggiori risorse nel campo della prevenzione primaria e secondaria soprattutto nel settore pediatrico e geriatrico.

«Sotto questo aspetto il termalismo assume una grande valenza salutistica e di qualità della vita, oltre a garantire un risparmio per il sistema sanitario nazionale perché la prevenzione è meno costosa della cura specifica fatta con i farmaci».

Questa, in sintesi, la conclusione del convegno, denso di suggerimenti per il futuro termale.

Deve esserci interazione fra le cure termali e le cure eseguite con farmaci: l’una non esclude l’altra. Determinate procedure e cure per malattie croniche, che attualmente sono solo di competenza del sistema sanitario nazionale, possono, con la medesima professionalità, essere delegate alle terme, con un notevole risparmio economico.

Dott. Geniale Mariani
direttore sanitario Terme di Frasassi
---
Articolo dalla rivista "Terme di Frasassi" n.3